Cattedrale di Villingen

Villingen: la porta Est della Foresta Nera

Ai margini Est della Foresta Nera, punto di partenza per visitare la regione

Cinta da mura che racchiudono il centro medievale, a cui accedere attraverso quattro torri ai punti cardinali. Villingen è una piacevole cittadina nella quale passare qualche ora rilassandosi con uno spritz. 

  

Villingen – Mappa

Esporta come KML per Google Earth/Google MapsApri mappa autonoma in modalità schermo interoCreare immagine del codice QR per mappa autonoma in modalità schermo interoEsporta come GeoJSONEsporta come GeoRSS
Villingen

Caricamento delle mappe in corso - restare in attesa...

Cattedrale della Nostra Signora di Villingen: 48.060299, 8.458722
Riettor: 48.059786, 8.456198
Romausturm: 48.057759, 8.457257
Bikentor: 48.059484, 8.462231
Keiserturm: 48.058210, 8.462375

Dopo la tappa provante, che da Villingen ci ha portati dalla dolce Marianne a Sankt Georgen, e dopo essere stati rifiutati da Villingen per la notte, in quanto tutte le strutture piene, ritorniamo sui nostri passi per visitare la cittadina, che ci aveva affascinato nel nostro breve passaggio.

Con vivido il ricordo della faticata della passata tappa, stiamo attenti ai cartelli, seguendo solo i cicloturistici bianchi e verdi. Percorriamo corrette piste ciclabili, senza dover affrontare sentieri sterrati nei boschi, adibiti ad attrezzate mountain bike. Difatti, il percorso da Sankt Georgen a Villingen è molto leggero. Si costeggia inizialmente la strada statale B33, per poi addentrarsi in una tranquilla arteria secondaria nel bosco. Ci ricongiungiamo così alla biforcazione alla quale abbiamo sbagliato strada il giorno precedente.

palazzo tipico di Villingen

Tipico palazzo del centro di Villingen

Villingen non è famosa come Friburgo, e non è in effetti bella quanto la sua controparte sul versante Ovest della Foresta Nera, ma risulta comunque piacevole per trascorre una giornata nel suo centro storico.

La città di Villingen, da semplice villaggio medievale, è diventata nel corso del secolo scorso un’attiva cittadina, grazie alla fusione con diversi comuni circostanti, tra cui il più grande, Schwenningen, che ne completa il nome in Villingen-Schwenningen. I due comuni rimangono comunque separati sia nel dialetto parlato che nelle tradizioni.

Torre romaus di Villingen

Torre medievale del Romaus

Ma il vero motore di crescita, fu dato dall’industria degli orologi e dei componenti di precisione, che dalla prima fabbrica installata nel 1858, contribuisce all’economia locale ancora ai giorni nostri.

Villingen si trova al confine della Foresta Nera e l’altipiano di Baar, ed è attraversata dal Brigach, uno degli affluenti che a Donaueschingen diventerà Danubio.

Il centro storico è molto caratteristico. L’attrazione principale è sicuramente la cinta di mura che avvolge il centro. Ai punti cardinali, le entrate al borgo, torri sormontate da orologi di diversi colori, simbolo del prodotto tipico cittadino. Sulla cinta muraria spicca la torre medievale del Romäus.

 Affascinante il duomo del XII sec e la fontana dell’antistante piazza, ricca di scene grottesche.

Passiamo una tranquilla giornata passeggiando per le vie, visitando il castello ed il torrione, e sorseggiando un caffè grosse, accompagnato dall’immancabile torta della foresta nera.

La città non offre molto altro, se non i musei sugli orologi per gli appassionati, per cui, il pomeriggio, ritorniamo verso Sankt Georgen, per rifocillarci nuovamente alla Zur Stadt Frankfurt , con l’enorme Schnitzel panieren.

pausa spritz a Villingen

Relax con Spritz

Icons made by Freepik from www.flaticon.com is licensed by CC 3.0 BY

Add a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *