Il Reno visto dal Dreiländerbrücke

Foresta Nera in Bici – Ultima Tappa: Risalendo il Reno (parte 2)

L'ultima tappa del tour della Foresta Nera, risalendo il Reno fino a Basilea

Ripartendo da Breisach am Rhein, proseguiamo nuovamente lungo gli interminabili argini dell'imponente Reno, per raggiungere Basilea (o meglio Weil am Rhein prima del confine svizzero, per calmierare i costi di pernottamento), da cui il treno ci riporterà a Milano.

  

Foresta Nera – Tappa 10: Altimetria

Altimetria da Breisach a Weil am Rhein

[wpsm_comparison_table id=”12″ class=”center-table-align”]
  

Foresta Nera – Tappa 10: Mappa

Esporta come KML per Google Earth/Google MapsApri mappa autonoma in modalità schermo interoCreare immagine del codice QR per mappa autonoma in modalità schermo interoEsporta come GeoJSONEsporta come GeoRSS
Foresta Nera in Bici: Risalendo il Reno da Breisach a Weil am Rhein

Caricamento delle mappe in corso - restare in attesa...

| km | +m -m (netto: m) | scaricare file GPX scaricare file GPX
Foresta Nera - Tappa 10: Start: 48.026787, 7.583292
Foresta Nera - Tappa 10: Arrive: 47.592215, 7.611036
Dreilandbrucke: 47.591520, 7.590008

Cronaca di Tappa

La decima ed ultima tappa riprende da dove abbiamo lasciato il giorno precedente, interminabili sterrati sull'argine del Reno. Non ci mettiamo per cui molto a decidere di lasciare la sponda del fiume per addentrarci nell'entroterra, attraversando campagne e piccoli villaggi, fino a giungere a Neuenburg am Rhein.
Da qui ci riavviciniamo al Reno, stretti tra il corso del fiume e l’autostrada.

Più ci avviciniamo a Basilea, più il corso d’acqua diminuisce di larghezza (pur rimanendo imponente), per cui raggiungiamo punti in cui sugli argini sabbiosi, gruppi di persone passano pomeriggi cercando sollievo dall'arsura estiva.

Bagnanti lungo le sponde del Reno

Bagnanti lungo le sponde del Reno

Bagnanti lungo le sponde del Reno

Ancora bagnanti...

Sempre più vicino a Basilea, il Reno si riunisce (sarebbe meglio si divide, ma dato che stiamo percorrendo il fiume controcorrente, dal nostro punto di vista si riunisce) al Grande Canale d’Alsazia, riacquistando vigore.
Gli argini sterrati e la macchia boscosa lasciano posto a periferie industriali e asfalto. Entriamo in Weil am Rhein nel tardo pomeriggio, provati dalla monotonia e lunghezza della tappa.

Prima di addentrarci in città in cerca di un albergo (pernotteremo in Germania, per contenere i costi), attraversiamo il Dreiländerbrücke, il ponte delle tre nazioni, posto al confine tra Germania, Francia e Svizzera. Riassaporiamo brevemente il cosmopolitismo europeo.

Dreiländerbrücke sul Reno

Dreiländerbrücke sul Reno

Il Reno visto dal Dreiländerbrücke

Il Reno visto dal Dreiländerbrücke

Il Reno visto dal Dreiländerbrücke

Industrie sul Reno

Basilea palazzo storico

Palazzo storico nel centro di Basilea

Troviamo un albergo in città, anche in questo caso mossi dalla stanchezza, non ci soffermiamo troppo sul prezzo.

La mattina successiva prepariamo le biciclette per l’ultima volta (tra ganci che si incastrano nelle ruote, pedali sugli stinchi, catene cadute e peso supportato, non ne siamo particolarmente tristi) ed attraversiamo il confine svizzero. Basilea risulta nuovamente carina ed accogliente, tanto che meriterebbe una visita più approfondita.

Strade del centro di Basilea

Strade del centro di Basilea

In stazione riusciamo facilmente a integrare il biglietto del treno con il supplemento per le biciclette (cosa che in Italia era una cosa quasi impensabile da fare) e ritorniamo a Milano. Salutiamo così la Foresta Nera, soddisfatti ed orgogliosi della nostra prima vacanza cicloturistica.


Un ultimo aneddoto: all'arrivo a Milano Centrale, scaricando, sempre con difficoltà, le biciclette cariche dal treno, incrociamo una venere olandese, che avrebbe preso il nostro treno appena giunto, per ritornare in Olanda. Questo angelo biondo, da Basilea era arrivata fino a Milano in bicicletta, tra passi e monti, con delle piccole borse come bagaglio. Alla mia offerta d’aiuto per caricare la bici in treno, lei, caricandosi la bici con una mano in spalla rispose “no problem”.

Abbiamo ancora molto da imparare sui viaggi in bicicletta.

Icons made by Freepik from www.flaticon.com is licensed by CC 3.0 BY

Add a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *